“Si dice che la musica dovrebbe aiutarci a non essere soli con i nostri guai o il nostro disordine; a tenerci compagnia, ma senza annoiarci o prenderci per la giacca, o addirittura rapirci troppo in alto. Ma non tutti i capolavori ne sono capaci: un caso del genere è quello della Quinta sinfonia, che a sentirla bene è come mettersi un leone in casa, tanta è la violenza con cui ci sommerge, la tensione continua che ci impone nel suo corso travolgente”.

Basterebbe questa quarta di copertina per meritare l’acquisto del libro…
Ma, per fortuna, c’è di più: molto di più.

Le nove Sinfonie di Beethoven sono forse il patrimonio musicale più conosciuto al mondo.
Il libro considera i nove capolavori nella loro genesi e nelle loro fisionomie.

Personalmente, in questa epoca in cui si cerca freneticamente un contatto con civiltà al di fuori del nostro mondo … io manderei in giro per lo spazio proprio le nove sinfonie di Beethoven nella speranza che qualcuno (altro da noi terrestri) le riceva e le ascolti …

Un patrimonio di cultura, civiltà e bellezza fra i più alti della storia moderna.