Per chi è romano, ma spero non solamente, il Marchese del Grillo (GRAZIE anche alla trasposizione cinematografica fatta da Alberto Sordi con la regia del GRANDE Mario Monicelli) e il poeta Trilussa sono due pagine belle di una Roma passata.
Riscoprire grazie a questi due libri quell’atmosfera di una Roma che non c’è più, aiuta un po’ a vivere la Roma di oggi che merita di tornare un po’ più frizzante.

Il Marchese del Grillo

“Er grillo del Marchese sempre zompa,
chi zompa allegramente bene campa”.

Dicitura apposta dal Marchese del Grillo sotto il suo stemma.

La sintesi del personaggio è tutta qui: mi viene da pensare alla frase latina “Multa in minima”.

C’era una volta a Roma Trilussa